Crea sito

NON COMPRARE ( E NON VENDERE) CUCCIOLI PRIMA DEI 60 GIORNI E SENZA PEDIGREE. LO DICE LA LEGGE.

Dall' ORDINANZA 6 AGOSTO 2008 del Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali 

Art.2

 1. E' vietata la vendita di cani di età inferiore ai due mesi, non che di cani non identificati e registrati in conformità alla seguente ordinanza (obbligo dell'applicazione del microchip nel secondo mese di vita. N.d.r. )

 °°°°°°°

Dal DECRETO LEGISLATIVO 30 DICEMBRE 1992, n.529

ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 91/174/CEE RELATIVA ALLE CONDIZIONI ZOOTECNICHE E GENEALOGICHE CHE DISCIPLINANO LA COMMERCIALIZZAZIONE DEGLI ANIMALI DI RAZZA 

Art.5

 1. E' consentita la commercializzazione di animali di razza di origine nazionale e comunitaria,...esclusivamente di soggetti iscritti ai libri geneaologici o registri anagrafici...e che risultano accompagnati da apposita certificazione genealogica , rilasciata dall'associazione degli allevatori ( associazioni/enti  che fanno capo alla FCI, quindi l' ENCI per l' Italia. N.d.r.)che detiene il relativo libro genealogico o registro anagrafico

( il registro anagrafico vale ed è sufficiente solo per quelle razze autoctone, quindi non straniere, che presentano limitata diffusione e per le quali non esistano dei libri genealogici. Libro genealogico significa pedigree. Il libro anagrafico non corrisponde all'anagrafe canina! Ma è un registro detenuto sempre dall' ENCI. Per tanto questo articolo ci dice che si possono commercializzare solo cani che abbiano un pedigree o, se appartenenti a razze che non hanno un libro genealogico, solo cani presenti nel registro anagrafico. N.d.r. )

 

CODICE ETICO DEGLI ALLEVATORI ENCI ( Solo se si hanno cani iscritti ai libri genealogici si può commercializzarli. I libri genealogici sono depositati dall' ENCI. Per tanto ogni allevatore riconosciuto sottoscrive questo codice. Quindi : se si vendono cani di razza bisogna necessariamente essere allevatori ENCI . N.d.r.)

°°°°°°° 

Art.5

Gli allevatori si impegnano:

 1) a consegnare al cliente un soggetto sano, inequivocabilmente identificato (microchip e/o tatuaggio) sverminato, vaccinato e rispondente alle caratteristiche tipiche della razza cui appartiene; il cucciolo dovrà avere un'età minima di 60 giorni; in caso di consegna di cucciolo di età di pochi giorni inferiore ai 60 giorni, l'acquirente dovrà impegnarsi a completare lo schema vaccinale che gli verrà indicato (nonché tutti i necessari interventi, anche di natura veterinaria). 

2) a far pervenire al cliente il certificato d'iscrizione al registro genealogico il cui costo deve essere compreso nel prezzo corrisposto per l'acquisto del cucciolo. 

3) a specificare, all'atto della consegna, i nomi dei genitori e il relativo numero d'iscrizione al libro genealogico ed eventualmente quello degli ascendenti.

 4) a specificare eventuali imperfezioni del soggetto consegnato. In tal caso l'Allevatore può riservarsi, informando preventivamente e per iscritto l'acquirente, di non consegnare il certificato d'iscrizione al libro genealogico. 

5) mantenere il miglior standard possibile di salute e qualità di vita dei propri cani. 

6) addestrare ed educare i propri cani in modo da evitare che creino danni o offese a terzi. 

7) riprendere presso l’allevamento o aiutare a sistemare presso nuovi proprietari soggetti non più accettati che provengano dall’Allevamento.

 

Quindi, riassumendo:

- PER LEGGE NON SI POSSONO VENDERE CUCCIOLI DI ETA' INFERIORE AI 60 GIORNI ;

- NON SI POSSONO VENDERE CUCCIOLI SENZA PEDIGREE   

Pertanto : NON ACQUISATATE MAI CUCCIOLI DI MENO DI 2 MESI. E NON ACQUISTATE MAI CUCCIOLI SENZA PEDIGREE!

E DENUNCIATE CHI NON RISPETTA QUESTI PARAMETRI!!! E' ILLEGALE E SONO I CANI A RIMETTERCI!


back